Contatti

Tel: 071202881
E-mail: studio@giorgiorappelli.it

Prendersi cura del proprio spazzolino:

cosa fare per prevenirne la contaminazione batterica.

Lo spazzolino da denti è il principale alleato nella prevenzione orale ma a volte, se usato male, può subire una contaminazione batterica.

La prevenzione della carie è basata sull'eliminazione della placca batterica dalla superficie dei denti. A questo scopo, l'azione meccanica che esercitiamo mediante lo spazzolamento è il principale mezzo di prevenzione delle diverse patologie causate dalla placca.

Nel cavo orale, la testina dello spazzolino viene però a contatto con numerosi microrganismi, subendo una contaminazione batterica più o meno importante. Poiché lo spazzolino è il nostro maggiore alleato nel mantenimento della salute orale, è bene essere consapevoli dei limiti e delle potenzialità dei prodotti presenti sul mercato.

Oltre che dalla carica infettante con cui viene a contatto, la contaminazione della testina dipende sia dalla sua struttura, se cioè è in grado di trattenere acqua tra le setole, sia dal trattamento cui viene sottoposta dopo l'utilizzo, cioè il risciacquo e l'asciugatura. Quindi, uno spazzolino sciacquato male e non asciugato manterrà una quantità maggiore di microrganismi vitali.

Per quanto riguarda la carie, lo Steptococcus mutans produce i metaboliti acidi responsabili del dissolvimento dello smalto dentale ed è pertanto considerato il più importante microrganismo cariogeno. Lo Steptococcus mutans può sopravvivere per periodi prolungati mantenendo la sua carica infettante e può essere trasferito con facilità dal cavo orale di un soggetto a quello di un altro attraverso l'uso dello stesso spazzolino.

Oltre a consigliare un uso strettamente personale dello spazzolino da denti, sul mercato sono disponibili prodotti con attività antibatterica. In particolare, uno studio clinico ha messo a confronto lo spazzolino tradizionale e lo spazzolino con testina argentata per verificarne la contaminazione residua dopo l'uso. L'attività antimicrobica del rivestimento in argento nei confronti di numerose specie batteriche patogene e saprofite presenti nel cavo orale è già stata confermata sperimentalmente in vitro. I dati ottenuti dalla nuova sperimentazione dimostrano che l'attività degli ioni argento è in grado di ridurre in maniera statisticamente significativa la concentrazione di Steptococcus mutans sulla testina.

Ricapitolando, sciacquare bene lo spazzolino, asciugarlo, cambiarlo ogni tre mesi e sceglierlo con testina in argento sono le azioni che possono contribuire a una migliore igiene orale. Non dimenticatelo e ricordate che almeno una volta l'anno è opportuno eseguire una pulizia professionale dal dentista.