Contatti

Tel: 071202881
E-mail: studio@giorgiorappelli.it

Lo spazzolino elettrico é davvero utile?

Scopriamo insieme la sua reale efficacia.

Nel giugno 2014 la Cochrane Collaboration ha pubblicato uno studio metanalitico allo scopo di valutare la reale efficacia degli spazzolini elettrici, in confronto con quelli manuali. Dalla revisione di centinaia di studi scientifici è emerso che “lo spazzolino elettrico riduce placca e gengivite più dello spazzolamento manuale sia a corto che a lungo termine”.
Il primo spazzolino elettrico fu concepito in Svizzera nel 1954 dal Dott. Philippe Guy Woog. Creato inizialmente per i pazienti con limitate capacità motorie, nonché per pazienti ortodontici, oggi ha conquistato appieno un ruolo di prestigio tra gli strumenti dedicati all’igiene dentale casalinga. La sua testina rotonda ed i movimenti rotanti ed oscillanti ad alta frequenza puliscono i denti delicatamente, assicurando nel contempo un’efficace e profonda pulizia dentale.
Per una corretta igiene dentale casalinga, le setole dello spazzolino elettrico devono insistere sui denti, spazzolandoli uno per uno, almeno due volte al giorno, ed immediatamente dopo i pasti. È inoltre necessario prestare particolare attenzione nel dedicare minimo due minuti di tempo all’igiene orale. Si consiglia di preferire gli spazzolini elettrici muniti di testine intercambiabili che – proprio come uno spazzolino manuale – dovrebbero essere sostituite ogni 2-3 mesi.
Se utilizzato correttamente lo spazzolino elettrico è più efficace nel rimuovere placca e residui di cibo rispetto agli spazzolini manuali. Questi importanti strumenti per la pulizia orale, infatti, imprimono alla testina oscillazioni e movimenti molto più rapidi di quanto sia possibile ottenere da uno spazzolino classico; così facendo, le setole oscillanti rimuovono la placca anche nelle zone difficili da raggiungere.
Quanto detto è confermato da uno studio riportato dalla rivista International Journal of Dental Hygiene. L’utilizzo di uno spazzolino elettrico risulta inoltre vantaggioso per tutti coloro che lamentano difficoltà nel mettere in pratica le corrette regole d’igiene dentale con uno spazzolino manuale, come ad esempio i bambini o i portatori di handicap. Altro vantaggio dello spazzolino elettrico è che i bambini sembrano più stimolati ed incentivati nell’igiene orale, dato che trovano divertente spazzolare denti e gengive con uno strumento che oscilla e pulsa (per quelli con meno di 4 anni è consigliabile la supervisione di un adulto). Ad ogni modo, è importante sottolineare che gli spazzolini elettrici non sono tutti uguali: la loro efficacia è strettamente legata alla modalità d’utilizzo ed alla tipologia di strumento prescelto.
Un utilizzo scorretto dello spazzolino elettrico riduce infatti la sua efficacia nel pulire i denti. Applicando troppa pressione con questo tipo di spazzolino si può causare l’irritazione e la recessione gengivale, causando più danni che benefici alla nostra salute dentale. Per una pulizia efficace, si consiglia di suddividere – con una linea immaginaria – le arcate dentali in quattro sezioni: ogni semiarcata richiede una pulizia di almeno 30-40 secondi. Calcolando questi tempi, viene facilitata la corretta igiene del cavo orale.
Lo spazzolino elettrico deve essere appoggiato su ogni singolo dente, prestando particolare attenzione nel porre a contatto le setole con il margine gengivale (zona in cui la placca tende a depositarsi facilmente).
Nonostante primeggi per le sue ottimali capacità di rimuovere placca e depositi di cibo tra i denti, l’abbinamento spazzolino elettrico + dentifricio non è sufficiente per assicurare una completa igiene dentale casalinga. È dunque importante sostenere ogni giorno lo spazzolamento elettrico con l’utilizzo di filo interdentale, scovolino (se necessario) e colluttorio. Da non dimenticare, tuttavia, che l’impiego dello spazzolino elettrico – anche se regolare ed impeccabile – deve essere supportato dalla profilassi professionale, che dovrebbe essere eseguita almeno ogni 3-6-12 mesi a seconda del livello di rischio individuale.
Lo spazzolino elettrico non può e non deve essere considerato un sostituto dell’igiene orale professionale.